Dolci tipici natalizi 2016: come preparare il panettone fatto in casa?

Il panettone tra i dolci tipici di Natale è il più classico e apprezzato in Italia è possibile però prepararlo a casa con una ricetta tradizionale regionale

Commenti 0Stampa

Il panettone ogni anno è il dolce tipico natalizio più venduto e consumato in Italia, vuoi per la sua bontà, fragranza e sia perché non c'è Natale che si rispetti senza la tradizionale cupola sulla tavola. 

Prima di passare ad illustrare la ricetta tradizionale su come preparare il panettone fatto in casa, facciamo qualche accenno all'origine di questo buonissimo dolce di Natale. Forse non tutti sanno che la sua origine è in Lombardia e precisamente a Milano, e che già nel 1200 si preparava una sorta di panettone simile più ad un pane dolce a base miele, uva secca e zucca, ai quali che nel corso dei secoli si sono aggiunti farina, uova, zucchero e uva passa. Quest'ultima come segno propiziatorio di denaro e salute per il nuovo anno. 

La nascita invece del panettone moderno, fatto secondo la ricetta tradizionale così come la conosciamo oggi, è da imputare a Paolo Biffi, che lo preparò in onore a Pio IX nel 1847 ma fu solo verso la metà del 900 che il pant del ton,  grazie ad Angelo Motta, assunse la sua forma tipica di cupolone e la base avvolta da il pirottino di carta da forno e venduto all'interno di una confezione.

 

Ingredienti
  • Farina 00 250 grammi
  • Farina di Manitoba 300 grammi 
  • Levito madre 100 grammi
  • Uova n.3 uova di cui solo 2 tuorli
  • Zucchero 150 grammi
  • Burro 175 grammi
  • Sale 15 grammi
  • Miele liquido n.2 cucchiai 
  • Vaniglina n.1 bustina
  • Uvetta 125 grammi
  • Canditi 125 grammi
  • Scorza grattugiata di 1 arancia
Informazioni
  • Difficoltà: media
  • Tempo: 3 giorni + 2
  • Dosi: per 1 kg
  • Calorie: circa 360 cal a fetta, ogni 100 grammi
  • Costo: basso

 

Dolci natalizi 2016: come si prepara il panettone fatto in casa?

Se quest'anno abbiamo deciso di fare in casa da soli il panettone, dobbiamo considerare che per eseguire tutto il procedimento ci vogliono 3 giorni, per cui armiamoci di pazienza e di tutti gli ingredienti, e cominciamo con la preparazione del lievito madre che va fatto 2 giorni prima.

Per cui se vogliamo sfornare il panettone pronto per il pranzo del 25 dicembre, dobbiamo iniziare il 21 con la preparazione del lievito madre che si fa in due giorni.

Procedimento lievito madre per il panettone:

Prendere una ciotola e versare 100 grammi di farina 00 + 10 grammi di lievito di birra già sciolto in un po' di acqua tiepida.

Miscelare gli ingredienti ed impastare per amalgamare bene la farina.

Trasferire l'impasto in un'altra ciotola e coprirla con un telo pulito, e lasciare riposare in frigo.

Il giorno dopo, prendere l'impasto in frigorifero e togliere la superficie indurita. Dopodiché pesare il panetto e aggiungere altri 100 grammi di farina e acqua per metà esatta del peso.

A questo punto impastare, e riporre di nuovo in frigo per un altro giorno.

Il giorno successivo il lievito madre è pronto per essere aggiunto all'impasto del panettone.

 

Panettone ricetta classica e preparazione:

Preparazione impasto panettone GIORNO 1:

Prendere una ciotola e versarvi 50 grammi di lievito madre + 50 grammi di farina + 10 grammi di zucchero + 50 grammi di acqua a temperatura ambiente.

Impastare e lasciare riposare il composto in un luogo tiepido ma coperto con la pellicola trasparente.

Attendere che il volume dell'impasto raddoppi di volume.

Una volta lievitato, aggiungere 1 tuorlo d'uovo e impastare, poi 50 grammi di zucchero e impastare e infine altri 100 grammi di farina e impastare.

A questo punto, unire il 2° tuorlo e impastare.

Aggiungere poi metà del burro fuso ma attenzione raffreddato e impastare, fin quando l'impasto risulta liscio ed elastico.

Trasferire il tutto in una ciotola molto più capiente e copritela lasciando un adeguato spazio per consentire alla pasta di lievitare.

Lasciare lievitare almeno 6/8 ore a temperatura ambiente che non deve essere maggiore di 24°C.

 

Preparazione panettone GIORNO 2:

Terminata la lievitazione, l'impasto del panettone va rimescolato con una frusta e dopo 5 minuti di lavorazione, aggiungere 1 uovo intero.

Una volta incorporato vanno aggiunti in successione i seguenti ingredienti facendo attenzione a rimpastare ogni qual volta che ne viene aggiunge uno: 85 grammi di farina, 25 grammi di zucchero, 1 uovo intero, di nuovo altri 25 grammi di zucchero e altri 65 grammi di farina, l'altra metà del burro raffreddato al quale va miscelato il sale.

Finito di aggiungere gli ingredienti, l'impasto deve risultare sempre omogeneo, liscio e soprattutto elastico.

Trasferirlo in una ciotola grande e lasciarlo riposare per almeno 8 ore sempre coperto dal telo.

Nel frattempo mettere a mollo l'uvetta in poca acqua tiepida e tagliare i canditi a piccoli cubetti. Dopodiché strizzare l'uvetta e passarla nella farina insieme ai canditi.

Passate almeno 8 ore dalla seconda lievitazione, riprendere l'impasto e incorporare i seguenti ingredienti, avendo sempre cura di rimpastare dopo l'aggiunta di un nuovo ingrediente: 100 grammi di farina, miele, la bustina di vaniglina, uvetta e canditi, scorza di 1 arancia, il resto della farina e 40 grammi di burro fuso tiepido.

Una volta pronto, trasferire l'impasto nello stampo da panettone e posizionarlo su di un vassoio.

Lasciare lievitare almeno 8 ore.

 

Panettone GIORNO 3:

Al termine della terza e ultima lievitazione, il panettone è pronto per la cottura in forno. Per cui accedere il forno a 190° C senza ventilazione e nel frattempo, incidere una croce molto velocemente sulla superficie della cupola dell'impasto. All’interno dei tagli mettere dei fiocchetti di burro.

Infornare quindi a 190° per 10 minuti e altri 20-30 minuti a 170° C, fin quando il panettone risulta cotto all'interno e dorato all'esterno.

Sfornarlo e rovesciatelo immediatamente a testa in giù e una volta estratto infilare degli stecchini lunghi o da spiedini nella base e appoggiarlo in testa in giù su una pentola grande, ciò impedirà ai candidi e all'uvetta di depositarsi solo sulla base.

Una volta raffreddato, il panettone è pronto per essere mangiato o regalato, in ogni caso chiuso in un sacchetto alimentare trasparente, si conserva fresco anche per 15 giorni e sicuramente fino al Capodanno o alla Befana.

COPYRIGHT TOPRICETTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti